Home / Vostri articoli / Le frontiere dell’accessibilità di Giuseppe Voci I0TVL

Le frontiere dell’accessibilità di Giuseppe Voci I0TVL

l’accessibilità della Rete e l’usabilità dei DISPOSITIVI da parte di tutti, ivi compresi coloro che presentano disabilità sensoriali, non solo è un’esigenza sempre più avvertita, ma un vero e proprio obbligo previsto dalla Legge n. 4 del 9 gennaio 2004, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio dello stesso anno, alla quale avrebbero dovuto uniformarsi i produttori di contenuti multimediali e di hardware.Diciamo “avrebbero dovuto uniformarsi”, perché nonostante siano trascorsi ben 16 anni dalla sua entrata in vigore, essa è ancora largamente disattesa, al punto che la maggior parte dei portali, piattaforme e servizi online pubblici e privati del nostro Paese, o è accessibile solo in parte, o non lo è affatto, il che impedisce o rende molto difficoltoso a tanta gente, l’accesso a tali contenuti.Le cose vanno anche peggio, se ci addentriamo nel ginepraio degli strumenti di uso quotidiano come gli elettrodomestici, non esplicitamente contemplati da quella Legge.Nessuno si stupisca quindi se la maggior parte delle lavatrici presenti sul mercato italiano, non disponga di guida tattile o vocale, oppure se le caldaie ed i condizionatori, siano privi di dispositivi accessibili per modificare e controllare la temperatura degli ambienti.Non pensiate che la cosa sia tecnicamente difficile da realizzare, né che costi molto alle Aziende, anche se dietro alle parole “accessibilità ed usabilità”, c’è un mondo fatto di studio, progettazione e realizzazione che però, oggi come oggi, non deve più spaventare.Pensate che anche i giocattoli che regaliamo ai nostri piccoli per la loro festa, hanno spesso al loro interno, sistemi di interazione al quanto efficaci, pur mantenendo un prezzo d’acquisto non particolarmente esoso ed allora è chiaro che, estendere tale concetto in tutti gli ambiti della vita quotidiana, non è “chiedere la luna”, ma l’unico modo per offrire a tutti le stesse possibilità, ed allora, perché no?Perché Fin quando nessun produttore sarà obbligato a fare il massimo su questo fronte, state certi che non lo farà di sua iniziativa!La cosa non potrà essere risolta solo dall’Italia, ma se il nostro Paese e l’Unione Europea, un bel giorno non troppo lontano, sapranno e soprattutto vorranno disincentivare l’importazione e la circolazione di prodotti non accessibili a vantaggio di quelli adatti a tutti, le cose potrebbero migliorare per il semplice motivo che nessuna Azienda vorrà perdere la propria quota di mercato e allora vedrete che si adegueranno tutti.Il mondo radioamatoriale, essendo un mercato di nicchia, particolarmente tecnico e molto fluido, presenta nel suo complesso, spunti di riflessione molto interessanti. Pensate che la Kenwood, ad esempio, fin dai lontani anni 80′, ha costruito ed immesso sul mercato diversi apparati con la lettura vocale della frequenza ed il riconoscimento della modalità trasmissiva (USB, LSB, CW, AM, FM RTTY), attraverso il suono del Cw, (novità sconvolgente per quel periodo), cosa che altri, hanno fatto solo molto tempo dopo.La tecnologia poi, è andata talmente avanti al punto che la stessa casa col TS-990, ultimo nato e top di gamma,non solo legge vocalmente la frequenza e la modalità in CW come allora, ma permette anche di esplorare senza limitazioni lo schermo, anche in modalità soft touch, i menù, i sotto menù e memorizzare o richiamare facilmente le frequenze a proprio piacimento.La miniaturizzazione poi, non le ha impedito certo di sviluppare ed immettere sul mercato mondiale un apparatino formidabile come il THD- 74 A, bibanda, FM e D- Star completamente accessibile, capace di leggere vocalmente anche i nominativi delle stazioni che passano in D- Star e di far scrivere altrettanto facilmente anche le info delle stazioni in memoria, come il nominativo del ripetitore e la sua ubicazione, senza alcuna difficoltà.Questa non è e non vuole essere una pubblicità per invogliare le persone a comperare questo o quel prodotto, ma la presa d’atto che ci sono state e ci sono delle differenze fra brand e brand.Non tutti hanno adottato la medesima politica commerciale con prodotti adatti a tutti, tant’è che la fotografia che ne esce, indica chiaramente la differenza fra un marchio e l’altro, e se a ciò, aggiungiamo la recente comparsa sul mercato, subito consolidata, di apparati cinesi DMR, così detti di fascia bassa, scopriremo che dietro a questi “giocattoli”, si sta aprendo un mondo nuovo, fatto di radioamatori, particolarmente competenti, in grado di modificare i loro firmware per ottenere risultati che con quelli “originali”, non è ancora possibile avere.Un esempio per tutti, è costituito da Roger Clark VK3KYY ed al suo gruppo di lavoro, i quali hanno cominciato a modificare quello del Gd77 per dare ai suoi utilizzatori, la possibilità di testare la sintesi vocale. Al momento, per quello che ne sappiamo, si tratterebbe dell’unico esempio su apparati dmr portatili entry level, mentre, per quelli della così detta “fascia alta”, ancora niente da fare, tutto fermo. Gli apparati similari, che possono supportare la sostituzione del firmware originale con quello modificato sono: Radioddity GD-77; TYT MD-760; Radioddity GD-77S; TYT MD-730; Baofeng DM-1801/ DM-860; Baofeng RD-5R / DM-5R Tier2. Per saperne di più, visionate il Blog ufficiale del gruppo di sviluppo: https://opengd77.com/index.php Scaricate le versioni in via di sviluppo dei firmware più adatti, solo se il vostro apparatino è presente nella lista e se sapete aggiornarlo, altrimenti non correte il rischio di impallarlo inutilmente: : https://github.com/rogerclarkmelbourne/opengd77/releases Prima di concludere, desideriamo sottolineare il grande valore etico e morale insito in questo lavoro che stanno sviluppando questi amici, a cui va tutto il nostro ringraziamento e l’esortazione a continuare così, perché oggi, più che mai, c’è bisogno di gente come loro e allora incoraggiamoli con attestati di stima, perché se lo meritano!

Accessibility’s frontiers of the Amateur Radio world



Today, the web and devices accessibility becoming more and more an important problem to solve for people with physical problems.
In fact, in the 2020 year, they still have tremendous problems to get into Web Sites, e-commerce and general platforms, because most of them, they are still completely out of accessibility international requirements.
The amateur world, reflecting the same kind of problems, with inaccessible, partially accessible and completely accessible radio. Since the incoming Chinese DMR portable radios into the global market, something is changing, for the simple reason that a few of them, are able to be modified to improve original performance. Mr. Roger Clark VK3KYY and the group, is now working to include the speech synthesizer into the Gd77 and similar, to give a chance to the blind people to read the frequencies and into the menu and sub menu. For now is just the beginning of it, an important experience for the near future.
The updatable radios at the moment are: Radioddity GD-77; TYT MD-760; Radioddity GD-77S; TYT MD-730; Baofeng DM-1801/ DM-860; Baofeng RD-5R / DM-5R Tier2.
Take a look to official developer’s group: https://opengd77.com/index.php
Warning:
do not downloads upgrade firmware versions, if you are not familiar with it and if your radio is not in that list of updatable equipments: https://github.com/rogerclarkmelbourne/opengd77/releases.
We want to thanks Roger Clark VK3KYY for his remarkable work that we appreciated very much indeed, at the main time, we want also get the chance to tell him that we absolutely need people like him.

Fromm Joe Voci I0TVL.

About Super User

Check Also

La televisione amatoriale

{jathumbnail off}La televisione amatoriale, o (Amateur TeleVision), è una delle più recenti scoperte tecnologiche multimediali …

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza "cookie tecnici" per fonirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Clicca su accetta per continuare a utilizzare questo sito. Questo messaggio, viene visualizzato sulla base della DELIBERA 19 marzo 2015 - Linee guida in materia di trattamento di dati personali per profilazione on line. (Delibera n. 161). (15A03333) (GU Serie Generale n.103 del 6-5-2015) Per informazioni: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/05/06/15A03333/sg Cosa sono i Cookie? http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3585077

Chiudi