Home / Radioscienza / Bollettino Nasa La Sonda Juno e i Radioamatori

Bollettino Nasa La Sonda Juno e i Radioamatori

{jathumbnail off}Il 9 Ottobre 2013 i radioamatori si collegheranno via radio, in codice Morse con la sonda Juno Mancano pochi giorni per salutare, via radio la sonda Juno, prima che questa riceva dalla terra il comando necessario per raggiungere il pianeta Giove nel 2016 per studiare la sua magnetosfera e i fenomeni aurorali a essa correlati.

La NASA sta organizzando in grande stile questa inedita forma di saluto invitando i radioamatori di tutto il mondo a sintonizzare i loro ricetrasmettitori sulla banda dei 28 MHz.
Alla massima vicinanza alla Terra della sonda Juno si dovranno formare le due lettere H e I del codice Morse seguendo un rituale particol are.
La portante della radio dovrà restare accesa per 30 secondi in corrispondenza di ogni “puntino” dei sei (•••• ••) che compongono la parola “HI”, ogni vuoto tra i puntini all’interno di ciascuna lettera vale altri 30 secondi di portante spenta, con tre vuoti di 90 secondi complessivi a separare le due lettere.
Tempo complessivo di trasmissione/vuoto. A ciascun partecipante viene assegnata una delle 26 frequenze fissate tra 28 e 28,5 MHz e per conoscere quale frequenza utilizzare nello specifico la NASA ha predisposto una tabella che assegna una determinata frequenza alle lettere dell’alfabeto.
Chi vuole partecipare deve scegliere quella che corrisponde all’ultima lettera della sua sigla radioamatoriale.
Tuttavia bisogna considerare che il massimo punto di vicinanza tra la sonda e la Terra, ovvero il Perielio, è a circa 50 chilometri di distanza.
L’idea è riuscire a farsi sentire da questo ricevitore generando un segnale con una larghezza di banda sufficientemente ampia (0,5 MHz) con tantissime antenne puntate verso la stessa zona di cielo.
Una specie di “flash mob” radiofonico rivolto verso la sonda Juno che sta affrontando un viaggio di oltre 9 Unità Astronomiche (si ricorda che ogni Unità Astronomica è pari a 150 milioni di chilometri) con intervalli di tempo di 30 secondi, la NASA spera di poter creare sufficiente energia per oltrepassare lo strato ionosferico dell’atmosfera terrestre anche nel caso che l’attività solare lo rendesse impermeabile a frequenze così elevate.
A bordo di Juno, vista la natura radio e magnetica dei suoi esperimenti gioviani, opportunamente denominati WAVES, è montato un ricevitore HF in grado di sintonizzarsi fino a 40 Mhz.

Una spiegazione meno concisa di come si svolgerà questo happening si trova sul sito di Say HI to Juno! Le pagine ufficiali della missione Juno sono:
http://www.nasa.gov/mission_pages/juno/main/index.html
http://www.media.inaf.it/2013/09/23/juno-un-fly-by-tutto-da-osservare/

Buoni collegamenti e cieli sereni
IK0ELN Giovanni Lorusso


Condividi:
Tweet 20

About IKØELN

Check Also

ORSA 2018 A.O.T Terni

{jathumbnail off}Cari amici, un piccolo mattone e stato messo martedì ad Amelia, grazie alla partecipazione …

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza "cookie tecnici" per fonirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Clicca su accetta per continuare a utilizzare questo sito. Questo messaggio, viene visualizzato sulla base della DELIBERA 19 marzo 2015 - Linee guida in materia di trattamento di dati personali per profilazione on line. (Delibera n. 161). (15A03333) (GU Serie Generale n.103 del 6-5-2015) Per informazioni: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2015/05/06/15A03333/sg Cosa sono i Cookie? http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3585077

Chiudi