I0DJV SILENT KEY

Cari lettori, a causa di problemi tecnici non dipendenti dalla nostra volontà, l'articolo di saluto ad Aldo, i0djv che segue, nonostante sia stato scritto immediatamente alla sua dipartita, sarà pubblicato con notevole ritardo, del quale mi scuso ed esprimo la mia costernazione. E impossibile celare la tristezza che si prova quando si scrive un articolo di commiato a favore di qualcuno che se ne va; lo è ancor di più se questa persona,

ha in qualche modo scandito momenti significativi della tua vita, proprio com'è accaduto a me nei confronti di Aldo, i0djv.  Ieri pomeriggio, durante il solito qso sull'r10 w, ho appreso della sua dipartita e come capirete, ci sono rimasto particolarmente male, perché un conto è restare attoniti per un artista, che ci lascia i suoi quadri, un cantante che ci regala le sue canzoni, un altro è un amico come i0djv che ci lascia momenti e ricordi indelebili vissuti insieme. Ho ripercorso con la mente il giorno in cui lo incontrai per la prima volta nel lontano 1976 a Frascati insieme a mio padre. Non rammento se avvenne direttamente dentro la Sezione ARI o in un bar vicino,  fatto sta che di quella domenica mattina, conservo  ancora intatta la sua cordialità, che "faceva a pugni" con l'indifferenza generale dell'ambiente ed il grigiore della gente che parlava e fumava vicino a noi. Ricordo che mi mostrò un numero spropositato di portatilini che aveva con se e le disquisizioni sulla costruzione di antenne che fece con mio padre, a quel tempo sempre insieme a Padre Pompeo i0bpt, poi ik0esg.  

A quell'incontro, ne seguirono tanti altri, soprattutto nel periodo in cui giovanissimo ero iscritto alla Sezione di  Frascati, quando il mio instancabile padre "mi faceva  anche da postino" per le qsl. Parlare di Aldo i0djv oggi, è per me estremamente triste ma agevole nello stesso tempo, perché durante la sua vita, ci siamo sempre parlati onestamente di tutto, anche delle Associazioni, ma egli non mi ha mai mostrato segni di contrarietà verso le mie scelte, nonostante io sia uscito dall'ARI, entrato nell'A.RA.C e poi insieme ad altri amici, fondato Onda Telematica. Per tanti altri "personaggi" che bazzicano ancora il mondo ipocrita dei radioamatori, però, potrebbe non esser così. Fra costoro, ce ne sono molti che lo emarginarono e lo ripudiarono dal mondo dei così detti  "radioamatori per bene", poi, ci si mise anche la salute a "completare l'opera", sulla quale egli ne uscì vincitore da gran leone qual è sempre stato.  Di lui ricorderò sempre con affetto, la potente stazione radio e la posizione che gli permetteva di farsi sentire ovunque, la sorpresa che mi fece quando organizzò un collegamento sul mio echo link col Già Presidente della Repubblica Francesco Cossiga e la Fiera dei radioamatori di Pordenone. In fine, non per importanza ma in linea temporale, rammento le brevi ma significative chiacchierate che facemmo sull'r10 w. Alla famiglia di Aldo, i0djv, giungano le più sincere condoglianze da parte mia, dell'intera Associazione e dei soci e simpatizzanti a lui, che ora farà cq dx nell'alto dei cieli, a Dieux mon ami!. 

 

Giuseppe Voci  

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Sei qui: Home Articoli A.O.T. I0DJV SILENT KEY